RODIATURA DORATURA ANELLI E GIOIELLI

RODIATURA, DORATURA, PLATINATURA, RUTENIATURA, PALLADIATURA, ARGENTATURA

Rodiatura, Doratura, Ruteniatura

Rodiatura, Doratura, Ruteniatura e altre galvaniche rivestono gioielli, anelli, bracciali, orecchini, collane e ciondoli in oro e argento, tranne l’oro giallo e il rosso, con metalli preziosi che ne determinano colore e lucentezza, necessari per gli standard odierni, opportunamente esposti nelle gioiellerie:

  • Rodiatura
  • Doratura
  • Platinatura
  • Ruteniatura
  • Palladiatura

In qualità di laboratorio orafo contoterzi per gioiellerie Roma offriamo l’intera gamma di galvaniche su gioielli che spiegheremo di seguito capitolo per capitolo:

Orafo Roma laboratorio orafo moderno Roma

RODIATURA ANELLI E GIOIELLI

La rodiatura è  la galvanica più diffusa soprattutto per gli anelli con diamanti.

Il rodio ha le caratteristiche di essere un metallo estremamente duro, quindi resistente ai graffi fondamentale per gli anelli; estremamente bianco e lucente, eccellenti caratteristiche sui gioielli.

Per contro ha un costo di mille euro/litro in soluzione per galvanica  prezzo impennatosi di recente in quanto sta avendo un largo impiego sulle marmitte catalitiche delle automobili.

Le motivazioni del perché applicare, tramite elettrolisi, un sottile strato di rodio su anelli e gioielli sia in oro che in argento sono molteplici:

RODIATURA SU ORO BIANCO

L’oro bianco ormai privo di nichel, che gli conferiva il colore molto bianco, ha un aspetto tendente al giallino (esclusa la lega al palladio che costa più  dell’oro) che viene risolto con un sottile strato di bianchissimo e lucente rodio.

rodiatura-anelli-differenza-con-non-rodiati-orafo-roma-flambojan

RODIATURA SU ARGENTO

Questo avviene su tutti i gioielli con brillanti e non, ma anche su gioielli in argento per evitare che possiedono, particolarità oggi non più  tollerata.

RODIATURA SU ORO GIALLO

Nel caso si renda, invece, necessario rodiare anelli in oro giallo o rosa viene effettuata una galvanica di rodio a spessore.

rodiatura-anelli-differenza-con-non-rodiati-orafo-roma-flambojan
rodiatura-anelli-ciodoli-nero-piccozzino-laboratorio-orafo-roma-flambojan

RODIATURA NERA

Il rodio nero conferisce un aspetto al gioiello bruno scuro. È applicato ad anelli e bracciali anche nel solo punto in cui sono incassati brillanti neri, zaffiri o rubini. Infatti sui bracciali tennis in oro con diamanti neri viene applicato sulle griffe in alto tra le pietre mentre il resto è  rodiato bianco. La sua diffusione visto il prezzo di mercato e scomparsa, essendo sostituita dal ben più  economico rutenio che vi spiegheremo nell’apposita sezione.

RODIATURA BLU

La rodiatura blu è uno straordinario effetto bluastro cangiante che non ha mai avuto grande diffusione sul mercato soprattutto tra gli anelli. Attualmente è  improponibile in quanto ha un vasto di duemila euro/litro e va consumato in tempi ridotti e conservato a specifiche bassissime temperature.

ciondolo-oro-rodiatura-blu-flambojan-laboratorio-orafo-roma

DORATURA ANELLI E GIOIELLI

La doratura ha la caratteristica di ricoprire anelli e gioielli in genere con un sottile strato di molteplici colorazioni anche differenti tra loro. Queste differenze sono dovute ai metalli che vengono miscelati insieme all’oro in soluzioni galvaniche.

DORATURA GIALLA

La doratura gialla ha tantissime tonalità e modalità d’impiego dal chiarissimo limone 2N  passando per la doratura 3N classico colore 750, al giallo oro puro. Inoltre a seconda delle modalità d’impiego si possono  modulare differenze di tonalità.

La doratura gialla viene impiegata prevalentemente per dare il colore dell’ oro ad anelli, bracciali, collane, orecchini in argento e bigiotteria.

DORATURA ROSA E ROSSA

La doratura rosa e rossa sono la prosecuzione della gialla, a cui viene aumentata la percentuale di rame che determina il colore.

La doratura rosa, detta anche rosatura,  è molto apprezzata per dare colore ad anello  orecchini, bracciali, ciondoli e collane.

Come laboratorio orafo contoterzi spesso ci capita che le gioiellerie di Roma e del Lazio ci facciano modificare orecchini di vetrina che piacciono al cliente ma che rosandoli in todo o in parte risultano straordinari.

PLATINATURA ANELLI E GIOIELLI

La platinatura è un rivestimento di platino su anelli o gioielli in genere dal tipico colore bianco tendente al piombo.

Rispetto alla rodiatura presenta un colore più scuro e con un coefficiente di durezza inferiore, per cui meno resistente a usura e graffi.

La platinatura di anelli e gioielli sta avendo una ampia diffusione soprattutto con l’argento come alternativa alla costosissima rodiatura benché  inferiore per prestazioni ed estetica.

ruteniatura-anelli-gioielli-doratura-gioielli

RUTENIATURA ANELLI E GIOIELLI

La ruteniatura ha un colore più nero della rodiatura nera che tende al bruno. Rispetto alla rodiatura, la ruteniatura ha una capacità di attecchimento e di penetrazione negli angoli più  reconditi di anelli e gioielli inferiore.

L’uso della ruteniatura è in sostituzione del rodio nero per la forte differenza di prezzo che ne determina la scelta dalle gioiellerie di Roma. Per cui la ruteniatura è utilizzata in pavè di brillanti neri su anelli e ciondoli e sui famosi bracciali tennis con diamanti neri, zaffiri o rubini a rendere nere e più in armonia le sole punte delle griffe lasciando il resto specchiatamente bianco.

PALLADIATURA ANELLI E GIOIELLI

La palladiatura per anelli e gioielli in generale è scarsamente usata in quanto analoga al platino come alternativa alla rodiatura, ma costa il doppio.

ARGENTATURA DELL’ARGENTERIA

  • L’ argentatura è  un processo galvanico di argento puro applicato su grossi oggetti di argenteria. Si applica a spessore in quanto necessita di una lucidatura finale. Differentemente dalla rodiatura e doratura dei gioielli ossida, per cui ha bisogno di periodiche pulitura.  Oggi è sufficiente pulire le superfici dell’argenteria con appositi ed economici panni “trattati”, che sono dei soffici panni impregnati con prodotto disossidante.

    L’uso dell’argentatura per accessori di argenteria è per conferire a questi ultimi un colore bianco argento oltre che lucente. Infatti tutti i prodotti di argenteria sono in argento 800, una lega in argento con 800 parti in argento fino e 200 di rame, perché se fossero in argento fino o 925 risulterebbero troppo duttili e soggetti a graffi e ammaccature.

    Visto che abbiamo appena accennato dell’argento 925, la composizione dello stesso è  di 925 millesimi di argento puro e 75 di rame. Questa lega più  duttile e bianca dell’argento 800 si usa per creare gioielli in argento, conferendogli un colore bianco e rimanendo duttile per poter incastonare le pietre preziose.

    gioielli in argento 925 vengono ordinati non tanto per il colore quanto per preservarli da ossidature.

    Per l’argenteria si usa l’argentatura solo perché risulterebbero eccessivamente costose le rodiature, che si usano invece per i gioielli, a spessore per grandi oggetti di argenteria come candelabri e vassoi.

    Ti può interessare anche:

×